Informazioni legali

Società

LIBRI PER BAMBINI E RAGAZZI

Newsletter

DISLESIA il codice scritto un'arrampicata a tetti continui

ISBN 9788861112940

Nuovo

La storia di un ragazzo dislessico e la voglia di raccontare la sua vita esperienza dopo esperienza. Un autore giovane che è riuscito a farsi ascoltare.

Maggiori dettagli

5,00 €

12,00 €

-7,00 €

Dettagli

La sfida di coloro che lavorano in campo riabilitativo ed educativo con persone dislessiche consiste nel cercare di mantenere vivo il desiderio di apprendere quando il processo di acquisizione del codice scritto non si realizza nei tempi e nelle modalità attese. La storia di Francesco narrata con accuratezza e precisione ripercorre tutte le tappe del faticoso crescere delle persone dislessiche. Le prime consapevolezze di differenze alla scuola materna, la sensazione che “ c’è qualcosa di diverso in me? La domanda “Ma cosa?” Poi l’esposizione: l’apprendimento della lettura e scrittura durante la scuola primaria, la fatica a riconoscere lettere e parole, memorizzare sequenze verbali (mesi, giorni della settimana), lo sforzo prolungato cui non consegue il risultato atteso e infine la diagnosi e il pensiero “allora è vero, c’è qualcosa di sbagliato in me”. La ricerca di compensazioni, la presenza di caregiver ed educatori attenti allo sviluppo della persona, l’individuazione di nicchie protettive in aree non colpite dal disturbo diventano fondamentali per sostenere l’autostima e creare un senso di identità positivo. Tutte le persone sono diverse, tutte le persone dislessiche sono diverse: ogni ragazzo affronta i propri compiti di sviluppo e affronta le problematicità con tempi e modalità che sono in relazione alla propria storia personale, familiare, all’ambiente in cui vive, alle relazioni significative che può realizzare, alle nicchie di funzionamento che riesce a individuare. Narrare la propria storia , cercare di comprendere fatti e persone, provare a dare un senso alla propria vita emozionale correlata alla difficoltà, permette di sviluppare strategie per contenere gli effetti del disturbo e realizzare un maggior senso di autoefficacia. Ringrazio Francesco che mi ha permesso di condividere un pezzo della suo percorso di crescita durante le visite a Bologna e la sua storia narrata nel suo prezioso libro.