Informazioni legali

Società

I NUOVI LIBRI DIDATTICI "FELICI DI IMPARARE"

Newsletter

"Semplice!” La Guida Insegnante

9788894272970

Nuovo

genere: guida per l’Insegnante

materia: italiano L2

pagine: 90

formato: 21x29,7 (A4)

La Guida Insegnante del manuale “Semplice!” è corredata da verifiche con due differenti livelli di difficoltà per ogni singola unità.

Maggiori dettagli

10,00 €

Dettagli

Sfoglialo: https://issuu.com/ilmelograno.net/docs/promo-guida-insegnante

La Guida Insegnante del manuale “Semplice!” è corredata da verifiche con due differenti livelli di difficoltà per ogni singola unità.

Il manuale si rivolge a studenti dagli 11 ai 16 anni, con difficoltà d’apprendimento, scarsa alfabetizzazione e scolarizzazione. Il livello previsto finale è A1, secondo le direttive del “Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue”.

L’approccio utilizzato è affettivo-umanistico e comunicativo: l’obiettivo finale è la competenza comunicativa, il saper fare con la lingua.
Viene proposta una didattica laboratoriale, operando il più possibile in modalità interculturale; la grammatica viene scoperta in modo induttivo, si progetta per competenze e si dà spazio alla modalità ludica.

Il manuale è diviso in 7 unità tematiche (la scuola, la casa, i vestiti, il cibo, il corpo, le azioni e la famiglia) con la medesima struttura: introduzione globale del tema, acquisizione e utilizzo del lessico e delle strutture grammaticali e produzione finale, denominata “La mia storia”. Si dà infatti molta importanza al percorso migratorio e alle esperienze di cui sono portatori i ragazzi.

Per facilitare gli alunni è stata scelta un’impostazione particolare: carattere maiuscolo, ampi  spazi, immagini semplici in bianco e nero. 

La Guida Insegnante del manuale “Semplice!” è corredata da verifiche con due differenti livelli di difficoltà per ogni singola unità e, si propone di seguire la linea che guida l’intero manuale, dato il panorama variegato da cui provengono gli studenti e data la diversità di acquisizione che avranno. E’ necessario infatti  calibrare ed adattare il più possibile al singolo studente le richieste finali. Per questo motivo vengono proposti due tipi di verifiche: una di livello molto basico e una più complessa. In entrambe non si danno indicazioni particolari per la produzione, proprio per l’unicità di ogni percorso. Sarà il singolo insegnante a conoscere al meglio le necessità e capacità dei propri studenti e a modificare le richieste, quindi progettare e soprattutto valutare il livello di partenza con quello raggiunto. Va da sé che la valutazione può essere compiuta in molti modi e tempi differenti, come indicato nella guida. Infine, sempre per lo stesso motivo di base, non vengono proposte “tavole di correzione” con le soluzioni degli esercizi e punteggi. Questo anche perché ci possono essere più risposte corrette (ricordiamo il principio della “comunicabilità” di un messaggio) e poi perché ogni insegnante, dato il livello elementare del testo, è in grado di guidare facilmente gli allievi nella correzione, senza altri ausili. Infatti, la revisione diretta, non mediata da tavole di correzione rigide, è il modo migliore per l’insegnante di guidare i propri allievi. Ciò non significa che non si dovranno indicare chiaramente prima e in itinere i parametri di valutazione, ma che andranno adattati ai singoli studenti e al loro percorso.

Marta Bosatra è insegnante e facilitatrice linguistica. Con passione si occupa da anni di italiano L2, specializzandosi prima con un Master in “Formazione Interculturale” e, in via di specializzazione, con un Master in “Didattica e promozione della lingua e cultura italiane a stranieri” la cui partecipazione è stata vinta con la bozza di questo manuale (primo classificato nella sezione Junior del premio Un libro per l’italiano, II edizione, del “Laboratorio Itals dell’Università “Ca’ Foscari” di Venezia). Nel 2014 ha pubblicato con ARPANet un memoir legato all’esperienza di alfabetizzazione e laboratori interculturali all’interno dell’antologia “Tutto il futuro del mondo”.