I QUADERNINI DELLE REGOLE - DISLESSIA - DSA

Newsletter

Informazioni legali

Società

Il Quadernino delle Regole di Italiano per DSA dislessia

9788898438563

Nuovo

Per gli alunni dislessici
costituisce un semplice, chiaro, completo ed efficace strumento compensativo.

Maggiori dettagli

17,00 €

Dettagli

FABBRICA DEI SEGNI EDITORE

Per tutti gli altri alunni
(compresi gli alunni con difficoltà di apprendimento e/o stranieri)
È uno strumento che permette loro di:

  1. apprendere le regole fondamentali della grammatica (ortografia, morfologia, sintassi);
  2. arricchire il lessico;
  3. essere facilitati nello studio, nell’esecuzione dei compiti e nella memorizzazione delle stesse regole;
  4. imparare a cercare le regole della grammatica in modo autonomo.


Per gli insegnanti
E’ un semplice, completo ed efficace aiuto per:

  1. offrire uno strumento compensativo adeguato agli alunni dislessici, nel rispetto delle Circolari del MIUR;
  2. insegnare facilmente la grammatica (ortografia, morfologia, sintassi) anche ad alunni in difficoltà o stranieri;
  3. avere più tempo per l’esercitazione scritta od orale, non essendoci più bisogno di riscrivere, anno dopo anno, le regole sui quaderni (il Quadernino diventerà il punto di riferimento n°1)
  4. favorire e facilitare lo studio e la memorizzazione delle regole della grammatica;
  5. abituare i bambini alla ricerca autonoma della regola per l’autocorrezione;
  6. offrire strategie alternative alle difficoltà di memorizzazione per eseguire i compiti richiesti;
  7. offrire alle famiglie uno strumento completo e semplice per aiutare i propri figli anche a casa.
 
FABBRICA DEI SEGNI EDITORE

La disortografia è la difficoltà a tradurre correttamente i suoni che compongono le parole in simboli grafici; essa si presenta con errori sistematici che possono essere così distinti:

  • confusione tra fonemi simili:

Il soggetto confonde cioè i suoni alfabetici che si assomigliano, ad esempio F e VT e DB e PL e R, ecc.

  • Confusione tra grafemi simili:

In questo caso il soggetto ha difficoltà a riconoscere i segni alfabetici che presentano somiglianza nella forma, ad esempio: b e p;

  • Omissioni

È frequente che il soggetto tralasci alcune parti della parola, ad esempio la doppia consonante (pallapala); la vocale intermedia (fuoco-foco); la consonante intermedia (cartolina-catolina).

  • Inversioni

Questo tipo di errore riguarda le inversioni nella sequenza dei suoni all’interno della parole, ad esempio: sefamoro anziché semaforo.

La disortografia può derivare da una difficoltà di linguaggio, da scarse capacità di percezione visiva e uditiva, da un'organizzazione spazio-temporale non ancora sufficientemente acquisita, da un processo lento nella simbolizzazione grafica. È un disturbo che si presenta quando dalla forma si passa al contenuto, quando c'è il problema della scrittura come mezzo di comunicazione, con la necessità di rispettare l'ortografia delle parole.

 
Fonte: https://it.wikipedia.org